Come creare un preventivo con Giardy

Se sei un Giardiniere professionista o hai un’azienda di Giardinaggio sei consapevole del fatto che una delle operazioni più importanti e delicate della tua attività è proprio la creazione del preventivo.

Il preventivo è l’operazione fondamentale che precede lo svolgimento concreto del lavoro. Ed è proprio in questa fase che ti potresti “giocare” buona parte della presentazione del tuo prodotto al cliente. Concentriamoci ora sulla parte documentale che deve essere prodotta al cliente per l’accettazione del lavoro. Grazie al software Giardy è possibile inserire tutte le operazioni e i materiali che saranno oggetto dell’offerta. In primo luogo viene inserito il cliente che mediante il collegamento alle mappe di Google è possibile geolocalizzare. Questa operazione sarà indispensabile in un secondo momento per scegliere il giorno migliore dell’intervento sulla base delle condizioni metereologiche della zona. Successivamente si inserisce l’oggetto vero e proprio del preventivo che è suddiviso in tre aree fondamentali:

  1. Materiali e attrezzature: in questa fase si inseriscono i prodotti e le attrezzature che dovranno essere portate sul cantiere come, ad esempio, le piante o i raccordi per l’impianto di irrigazione. Queste referenze si possono pescare da un’anagrafica già esistente, oppure possono essere inserite contestualmente, corredandole di prezzo, unità di misura ed eventuali note specifiche.
  2. Operazioni: riguardano le attività che dovranno essere realizzate, come ad esempio il taglio erba, la potatura o l’installazione di un impianto di irrigazione. L’unità di misura in questo caso viene espressa in minuti. Anche qui si possono prendere delle operazioni standard già codificate oppure inserirne di nuove.
  3. Righe a corpo: in questa sezione è possibile procedere ad una descrizione dettagliata di come verrà effettuato il lavoro, dando alla fine un valore dell’attività espresso in euro.

Al termine dell’inserimento dei dati si può procedere, cliccando su un apposito bottone, alla trasformazione del preventivo in un documento pdf che potrà essere così inviato al cliente. Il preventivo rappresenta la base delle lavorazioni successive di un cantiere, pertanto, una volta che il cliente avrà confermato il lavoro, si potrà procedere all’assegnazione del preventivo al caposquadra. Da quel momento il responsabile del cantiere visualizzerà sul proprio smartphone o tablet il preventivo in modo tale da poter gestire la successiva fase di programmazione e di rapportino.

L’app per gestire il cantiere di giardinaggio

L’attività di gestione di un cantiere di giardinaggio richiede una cura particolare nella scelta degli strumenti da utilizzare sia che si tratti di attrezzature sia di software per la compilazione dei rapportini giornalieri. Infatti, cosi come è importante scegliere, ad esempio, un buon rasaerba è altrettanto importante dotarsi di una procedura software che supporti il giardiniere in tutte le fasi della lavorazione di un cantiere verde. Esistono due fattori fondamentali che influenzano la scelta del software giusto. Il primo è sicuramente la semplicità di utilizzo e il secondo riguarda la praticità e la portabilità. Il giardiniere svolge un’attività notoriamente influenzata dal meteo che lo porta a concentrare la propria attività nei periodi di bella stagione. E il fatto di svolgere la propria attività per la maggior parte del tempo all’esterno lo porta ad avere poco tempo a disposizione per organizzare il lavoro. Ma quale software scegliere per soddisfare condizioni di semplicità e praticità? Esiste la possibilità di avere a portata di mano uno strumento semplice da utilizzare? La risposta è si. Prendiamo in considerazione l’app Giardy, un software specifico per la gestione delle attività di giardinaggio dedicato al giardiniere professionale e all’azienda di giardinaggio. L’app è stata sviluppata per poter essere utilizzata sui dispositivi smartphone e tablet seguendo un concetto di estrema versatilità e portabilità. Giardy può essere installata sia in ambiente Android sia con i sistemi operativi iOS, coprendo di fatto quasi tutti i device in circolazione. Cosa si può fare con Giardy?

L’applicazione copre tutte le fasi di gestione del cantiere:

  • Preventivo
  • Programmazione
  • Rapportini
  • Consuntivi

Tutto nasce dal preventivo che deve essere proposto al cliente, pertanto deve essere possibile inserire all’interno dello stesso i prodotti e le operazioni che verranno effettuate sul cantiere. L’app garantisce la creazione di un documento ben strutturato che può essere inviato direttamente al cliente dal dispositivo smartphone o tablet.

In seconda battuta il software dà la possibilità di gestire la programmazione dei lavori. Attraverso un calendario grafico, il giardiniere può impostare il giorno e l’ora in cui vuole effettuare l’intervento e il tipo di operazioni e prodotti che deve svolgere e portare al cantiere.

In terzo luogo ci sono i rapportini di lavoro che sono il nodo cruciale del lavoro in un cantiere. Spesso il giardiniere si affida a “bigliettini volanti” o a intricatissimi fogli di excel che poi devono essere riorganizzati alla fine della giornata di lavoro con notevole dispendio di energia e di tempo.

Infine, ma non certo meno importanti, ci sono le statistiche dei lavori svolti. Giardy offre una panoramica essenziale dei lavori svolti, suddivisa per cliente, tipo di lavoro o globale. La capacità del software di produrre consuntivi costi/ricavi e di misurare il rapporto tra utile e preventivo garantisce al giardiniere una visione a 360° del lavoro svolto indicando i punti di forza e di debolezza dell’intera attività cantieristica.

E’ possibile scaricare Giardy dagli store di android e iOS ed effettuare una prova che comprende 15 operazioni.

OK Pad: la nuova App gestionale per il garden e il vivaio

E’ nata la nuova app per dispositivi mobili interamente dedicata al mondo florovivaistico. OK Pad è infatti la prima app gestionale per l’impiego di ipod iPhone e iPad all’interno della filiera verde, dal vivaio di produzione al punto vendita garden center. L’applicazione nasce con lo specifico intento di soddisfare il crescente bisogno di mobilità degli addetti del settore florovivaistico. L’integrazione tra l’app OK Pad e il software gestionale aziendale favorisce l’esecuzione delle operazioni tipiche della logistica in entrata/uscita. Dal carico di magazzino alla vendita per scontrino e/o fattura la nuova app permette di acquisire i prodotti mediante la lettura del codice a barre posto sulla confezione o vaso e di inviarli al database centrale. E questo è possibile sfruttando la rete wi-fi posta all’interno del punto vendita o cash & carry, oppure direttamente Internet.  Vediamo ora il tipo di tecnologia impiegata e quali sono le funzionalità principali.

LA TECNOLOGIA 

L’app OK Pad, già disponibile su Apple store, e’ stata realizzata per funzionare su iPod, iPhone e iPad. Il dispositivo, smartphone o tablet che sia, viene dotato di una custodia che contiene al suo interno un lettore laser di bar-code. Tale ‘culla’ e’ dotata di una batteria interna, in modo tale da non distogliere risorse alla batteria principale. Un dispositivo così configurato, in particolar modo nella versione con iPod e iPhone, diventa a tutti gli effetti un terminale palmare in grado di coniugare l’esigenza gestionale con la comunicazione telefonica e via Internet.

PRINCIPALI FUNZIONALITÀ 

OK Pad e’ in grado di svolgere le seguenti funzioni:

  • commissioni d’acquisto
  • commissioni di vendita al pubblico
  • commissioni di vendita all’ingrosso
  • rettifiche
  • inventario
  • consulta

L’operatore tramite il terminale, smartphone o tablet, legge i codici a barre tramite l’apposita funzione visualizzando le informazioni relative al prodotto identificato come prezzo di acquisto, prezzo di vendita, e giacenza. Dopo aver immesso la quantità voluta, e modificato il prezzo se necessario, l’utente invia le informazioni al server aziendale dov’è installato il gestionale. L’invio può essere effettuato sia tramite wi-fi sia utilizzando Internet, pertanto risulta molto utile quando l’operatore si trova fuori dall’azienda, ad esempio in fiera, ed ha necessità di effettuare un ordine.

Le stampanti “cloud”

La diffusione delle tecnologie digitali portatili implica l’acquisizione di contenuti che per necessità contingenti devono anche essere stampati all’istante, direttamente dal dispositivo che si sta utilizzando. Ormai è sempre più frequente usare il proprio smartphone per catturare informazioni da inviare via email oppure più semplicemente da stampare. I grandi vendor del settore IT rendono disponibili delle stampanti multifunzione wi-fi che possono essere usate a distanza, anche da uno smartphone. Essendo compatibili con le applicazioni più comuni per la gestione della stampa mobile come Air-Print di AppleCloud Print di Google, e via dicendo, queste stampanti sono in grado di stampare da un dispositivo mobile tramite l’invio di un’email alla macchina che esegue la stampa. Stampare news, disegni, fotografie diventa un gioco da ragazzi. E questa semplicità e velocità di utilizzo apre nuovi scenari anche per il settore verde. Dal vivaio di produzione al punto vendita garden center le opzioni di utilizzo di questa semplice tecnologia diventano innumerevoli. Ad esempio, pensiamo ad una vendita effettuata dall’addetto di un vivaio. Terminata la vendita, mediante l’ausilio di un terminale palmare, il cliente potrebbe chiedere informazioni aggiuntive sulle piante che sta acquistando. Ecco che invece di consegnare una scheda anonima, magari con la foto di una pianta “simile” contenuta in un database pre-acquistato, l’addetto alla vendita potrebbe stampare al momento una scheda con la fotografia proprio della pianta in questione eseguita sul posto. Questo tipo di tecnologia, sfruttando il cloud computing, ovvero il servizio offerto dai provider per la gestione di file archiviati in uno spazio sul web, è estremamente versatile in quanto non ha bisogno di driver e/o noiose configurazioni per stampare da un dispositivo come lo smartphone su una stampante di rete.